Ecco. Di notte. Sempre.

Mi auguro una notte serena.

Una notte in cui mi corico e dormo. Voilà. 

Invece no. Tutto si palesa.

Le pecore che saltano stataccionate, i mostri, Babadook, la morte nera, l’uomo nero, la fine imminente del mondo, i compiti di russo, la morte vera, la ciccia di troppo, i capelli bianchi, i duecentocinquantamilacorsi che vorrei fare, il teletrasporto che non c’è, il brutto tempo nel week-end (merda), la sigla di Twin Peaks, l’ultimo abbraccio che non ti ho dato, i sensi di colpa per tutto, i sensi di colpa per tutti, il mio cranio pieno di cose da dire fare baciare lettera testamento, il gatto che fa la cacca quando sto per chiudere tutto, lo pulisco domani. No, adesso.

Ma perché tutti sti post sull’insonnia? ma che ne so. Perché non riesco a dormire e scrivo di notte? Mi sa. Non potrei partorire un Great Expectation o un bel romanzone da premio Strega? Un bel polpettone da rigonfiarsi le tasche di ego e di quattrini? No, a me piace fracassarvi la vita notturna, se io non dormo, neanche voi dovete dormire: come i gatti. 

Aspettate.

Forse io credo di essere un umano ma sono un gatto. Allora tutto si spiegherebbe. Ho sempre sonno, sono irritabile e cattiva, sono coccolona e faccio le fusa, ho sempre fame e faccio gli scattini mentre dormo, parlotto anche. Ditemelo però, risolverei un problemone! Si beh, non corro di notte per la casa. Non cado in piedi, anzi. Però mi piace stirarmi. 

Facciamo un patto, io cerco di capire a sto punto se sono umano o felino. Voi mi aiutate, ne va anche della mia ripetitività sulle vostre bacheche. Fate voi. Miao.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s